T.E.B.E. Spettacolo Teatrale . Sabato 3 Febbraio

a nuova sfida in casa Yourban è legata alla tragedia greca, a “Le Baccanti” di Euripide per la precisione.

Un gruppo di aspiranti attori, guidati dal regista Davide Dolores, ha affrontato un periodo di formazione/prove per mettere in scena questa rivisitazione di quella che è considerata una delle più grandi opere teatrali di tutti i tempi.

Testo riadattato e ridotto, ma non modificato. Stravolto, invece, l'immaginario degli attori ma anche del pubblico che è invitato a rileggere la vicenda come fosse un feroce avvicendamento ai vertici di una grande azienda.

Le avventure di Dioniso e degli abitanti di Tebe, infatti, fanno un viaggio spazio temporale per arrivare ai giorni nostri. Lo scenario è quello del mondo dell’alta finanza dove gli equilibri sono regolati da giochi di potere anche quando i legami sono di tipo famigliare. Nessuno sconto e nessuna pietà. Queste le regole di un gioco spietato nel quale regna incontrastato il dio denaro.

Vi aspettiamo Venerdì 2 Marzo, ore 20.30, presso il Circolo Culturale Yourban di Thiene (VI).

Ingresso gratuito ma su prenotazione a causa dei posti limitati. Iscriviti a questo link .

T.E.B.E.

Adattamento e Regia di Davide Dolores

Liberamente tratto da “Le Baccanti” di Euripide

con Antonio Picerni, Barbara Borriero, Cristina Malavolta, Elena Golin, Luca Zazzera, Roberto Genovese, Silvia Pacini, Tania Barcaro, Valentina Gerolimetto.

Link all'evento su Facebook: https://www.facebook.com/events/387850551638180/

LE BACCANTI . La trama originale

Dioniso, dio del vino, del teatro e del piacere fisico e mentale in genere, era nato dall'unione tra Zeus e Semele, donna mortale. Tuttavia le sorelle della donna e il nipote Penteo (re di Tebe) per invidia sparsero la voce che Dioniso in realtà non era nato da Zeus, ma da una relazione tra Semele e un uomo mortale, e che la storia del rapporto con Zeus era solo uno stratagemma per mascherare la "scappatella". In sostanza, quindi, essi negavano la natura divina di Dioniso, considerandolo un comune mortale.

Per questo, Dioniso afferma di essere sceso tra gli uomini per convincere tutta Tebe di essere un dio e non un uomo. A tale scopo per prima cosa ha indotto un germe di follia in tutte le donne tebane, che sono dunque fuggite sul monte Citerone a celebrare riti in onore di Dioniso stesso (diventando quindi Baccanti, ossia donne che celebrano i riti di Bacco, altro nome di Dioniso).

Questo fatto però non convince Penteo: egli rifiuta strenuamente di riconoscere un dio in Dioniso, e lo considera solo una sorta di demone che ha ideato una trappola per adescare le donne. Invano Cadmo(nonno di Penteo) e Tiresia (indovino cieco) tentano di dissuaderlo e di fargli riconoscere Dioniso come un dio. Il re di Tebe fa allora arrestare lo stesso Dioniso (che si lascia catturare volutamente) per imprigionarlo, il dio però scatena un terremoto che gli permette di liberarsi immediatamente.

Nel frattempo dal monte Citerone giungono notizie inquietanti: le donne che compiono i riti sono in grado di far sgorgare vino, latte e miele dalla roccia, e in un momento di furore dionisiaco si sono avventate su una mandria di mucche, squartandole vive con forza sovrumana. Hanno poi invaso alcuni villaggi, devastando tutto, rapendo bambini e mettendo in fuga la popolazione. Dioniso, parlando con Penteo, riesce allora a convincerlo a mascherarsi da donna per poter spiare di nascosto le Baccanti. Una volta che i due sono giunti sul Citerone, però, il dio aizza le Baccanti contro Penteo. Esse sradicano l'albero sul quale il re si era nascosto, si avventano su di lui e lo fanno letteralmente a pezzi. Non solo, ma la prima ad infierire su Penteo, spezzandogli un braccio, è sua madre Agave. Questi fatti vengono narrati da un messaggero che è tornato a Tebe dopo aver assistito alla scena. Poco dopo arriva anche Agave, munita di un bastone sulla cui sommità è attaccata la testa di Penteo che lei, nel suo delirio di Baccante, crede essere una testa di leone. Cadmo, sconvolto di fronte a quello spettacolo, riesce pian piano a far rinsavire Agave, che infine si accorge con orrore di ciò che ha fatto. A quel punto riappare Dioniso ex machina, che spiega di aver architettato questo piano per punire chi non credeva nella sua natura divina, e condanna Cadmo e Agave a essere esiliati in terre lontane. Con l'immagine di Cadmo e Agave che, commossi, si dicono addio, si conclude la vicenda.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
No tags yet.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

ORARI DI APERTURA

Da verificare in base al calendario corsi ed eventi

DOVE SIAMO

Via 51^ Stormo, 3

36016 THIENE (VI)

CONTATTACI

info@yourban.org
+39 338 235 7928

CONNECT​ WITH US:​​

  • w-facebook
  • Pinterest Clean
  • Twitter Clean
  • w-googleplus
  • w-flickr
  • w-vimeo
  • Instagram Clean
  • w-youtube
  • LinkedIn Clean

© 2016 Associazione Yourban