L'ATTORE MI HA GUARDATO NEGLI OCCHI

Laboratorio Teatrale Breve a cura del regista Lorenzo Maragoni

 

(foto di Stefano Gennaro)

Il teatro, insieme alle aree per il parapendio e certi negozi il primo giorno di saldi, è uno dei luoghi contemporanei del coraggio. A differenza che negli altri due, il coraggio non si esprime (solo) in un rischio fisico o economico, ma nel coraggio di entrare in relazione con una, due, N altre persone al tempo stesso. Entrare in relazione in teatro vuol dire aprirsi al rischio di farlo in tempo reale, nel senso che per quanto una messa in scena possa essere preparata e messa a punto prima, quando sono le 21.30 non ha altra scelta che di succedere in quel momento. In questo senso il teatro, in modo sereno e definitivo, non è cinema. Il teatro è in senso letterale e metaforico senza schermi, e più ne prende consapevolezza, più possibilità forti e spaventose offre: per esempio, costruire una relazione con il pubblico diretta. Aprirsi all’imprevisto. Esporsi al rischio.

Guardarsi negli occhi.

 

Giustamente, del pubblico, preparando uno spettacolo, c’è chi preferisce dimenticarsene fino al momento in cui se lo trova quasi inaspettatamente davanti. C’è chi altrettanto giustamente sulla relazione con il pubblico costruisce il suo modo di fare teatro, dal teatro di narrazione, archetipico, in cui una donna o uomo soli in scena in modo più o meno complesso danno nuova luce al teatro più antico del mondo ovvero raccontare una storia, alla performance in cui attori interpreti di se stessi cercano con il pubblico una prossimità psicologica, emotiva, fisica, a volte provocatoria, a volte accogliente, dalle battute dette a parte del teatro di Goldoni agli spettacoli contemporanei pensati ed eseguiti per uno spettatore alla volta.

Possono esistere, più o meno giustamente, altre possibilità? Che possano mischiare le carte e produrre un dire, un agire, uno stare degli attori che li faccia sentire divertiti ed empatici ed aperti al pubblico?

 

Questo workshop si propone di indagare la relazione tra attori e pubblico (anche dal punto di vista del pubblico), attraverso giochi, esercizi e lavoro su testi. Proveremo a esporci, a metterci in difficoltà, a cercare senza trovare, e magari a trovare all’improvviso, quasi quando abbiamo rinunciato a cercare.

Lo faremo in modo informale, ritmico, ludico, musicale. Lo faremo cercando di tenere gli occhi né socchiusi né sbarrati; semplicemente aperti.

 

Il percorso è sviluppato nel weekend, sabato e domenica. E’ adatto anche ai principianti e prevede un massimo di otto/dieci partecipanti. In caso di richieste numerose, verranno valutate le motivazioni e le precedenti esperienze dei candidati.
Si consiglia un abbigliamento comodo.

 

 

Modalità di iscrizione

Inviare una mail all’indirizzo info@yourban.org con le seguenti specifiche:

OGGETTO : Laboratorio L' ATTORE MI HA GUARDATO NEGLI OCCHI

TESTO: Nome e Cognome + Mail + Rif. Telefonico + Breve presentazione/motivazione.

Quando

 

Sabato 27 e Domenica 28 FEBBRAIO 2016

Dalle 10.30 alle 18.30

Costo

 

Il percorso richiede ai Soci un contributo di 

90 € totali (max 8/10 partecipanti).

Iniziativa riservata ai Soci ARCI.

Sede del Corso e Contatti

Yourban Associazione Culturale

Via 51° Stormo 3, 36016 Thiene  VI

Mail: info@yourban.org 

Infoline: +39 392 9789722

Docente: Lorenzo Maragoni

Lorenzo Maragoni è nato a Terni nel 1984. Nel 2010 si è diplomato attore all'Accademia del Teatro Stabile del Veneto. È il regista della compagnia Amor Vacui, per la quale ha diretto Elena (2010), Vite parallele (2010), Studi sulla città di K. (2011, finalista al Premio Giovani Realtà del Teatro), This is the only level (2012, vincitore del Premio Off del Teatro Stabile del Veneto 2012, finalista al Premio Argot-Off di Roma 2013, al Festival della Resistenza 2013 e al Festival Storie di Lavoro 2015, e vincitore del premio del pubblico e del premio Bypass al CrashTest Festival 2015), il primo studio per Domani mi alzo presto (2015, menzione speciale al Premio Giovani Realtà del Teatro). Negli ultimi due progetti si è anche occupato di coordinare la drammaturgia, prodotta attraverso una scrittura condivisa da parte della compagnia.

Per il Teatro Stabile del Veneto ha diretto lo spettacolo Sior Tita paron (2013) e la mise en espace Il solito ignoto (2015), oltre ad aver lavorato come assistente alla regia per D. Michieletto per Il ventaglio (2011), per G. Sangati per Sfida a colpi di teatro (2012) e per N. Balasso per La cativìssima (2015). Nel suo percorso di formazione come attore, regista e drammaturgo, esperienze con E. Nekrosius al Teatro Olimpico di Vicenza, con T. Ostermeier, M. Ravenhill e P. Rambert alla Biennale Teatro College, oltre che, tra gli altri, Cesar Brie e la compagnia Deflorian/Tagliarini. Dal 2011 lavora come conduttore di laboratori e workshop in collaborazione con i Carichi Sospesi (Padova), l’Accademia Da Ponte (Vittorio Veneto), il Teatro di Marzo (Mestre).

Se non sei tesserato ARCI, trovi tutte le info a questo link: http://bit.ly/1JYhuFi.

ORARI DI APERTURA

Da verificare in base al calendario corsi ed eventi

DOVE SIAMO

Via 51^ Stormo, 3

36016 THIENE (VI)

CONTATTACI

info@yourban.org
+39 338 235 7928

CONNECT​ WITH US:​​

  • w-facebook
  • Pinterest Clean
  • Twitter Clean
  • w-googleplus
  • w-flickr
  • w-vimeo
  • Instagram Clean
  • w-youtube
  • LinkedIn Clean

© 2016 Associazione Yourban